Vinitaly 2019 alla conclusione. Com’è andata quest’anno?

vinitaly 2019 alla conclusione

La cinquantatreesima edizione di Vinitaly  è già un’edizione da record.

La manifestazione che si è tenuta a Verona fino al 10 aprile ha numeri da capogiro: tutti gli spazi di esposizione sono stati occupati, e 4600 aziende da tutto il globo hanno partecipato con tutto ciò che ruota intorno al mondo dell’enologia. Da trenta paesi diversi realtà vinicole si sono confrontate e incontrate: l’Italia non poteva che uscirne primeggiante vista la sua grandissima tradizione enologica di livello decisamente superiore. Ma molte sono state le sorprese; intanto si è superato uno storico traguardo per numero di espositori: 130 i nuovi che hanno messo in mostra i loro prodotti.

La Fiera di Verona ha investito, quest’anno in attività di comunicazione invitando 50 paesi che coprivano l’intero globo. Molta attenzione è stata posta alle nuove tecnologie che possono in qualche modo dare ausilio per la conoscenza della manifestazione. Insomma la tradizione del vino e la nuova sfida tecnologica si sono incontrate per dar vita ad un connubio che si direbbe molto riuscito.

Tra i vari padiglioni si è intercettata molta digitalizzazione e internazionalità; il tutto per consentire sempre più alla manifestazione di essere momento di incontro tra gli operatori del settore e veicolare l’idea che occuparsi di enologia è comunque un buon affare. Vinitaly è sicuramente riuscita nell’intento di ciò che si era prefissato, e cioè mettere in contatto i mercati, capire le mutazioni dei tempi, stare vicino alle aziende.

Modernità e tradizione

La modernità e la tradizione a braccetto hanno caratterizzato l’edizione 2019 di questa manifestazione internazionale, dove internazionale ha significato essere integrati, con la propria storia nel mondo. Chi ha vinto ? La Cantina Ornellaia, simbolo dell’enologia italiana; ma non solo; hanno vinto tutti perché il confronto ha anche messo in evidenza quanto la storia del vino, partita da Verona abbia influenzato mercati non notoriamente ricchi di tradizione vinicola; come la Cina, che è stata premiata nella persona di Leon Liang tra i fondatori di una prestigiosa scuola di educazione al vino e di Demei Li che per la prima volta ha consentito alla Cina di vincere un premio in una manifestazione enologica.

Una nuova formula per essere tra la gente

In Vinitaly 2019 è anche continuata la formula “Business in fiera, wine lover in città”, molto apprezzata: dividere gli affari nei padiglioni della fiera dai padiglioni destinati ai consumatori è stata un’intuizione che ha portato una concentrazione minore degli “amanti” all’interno della fiera, ma potenziando la loro presenza in città.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi