Quali cibi fanno bene alla prostata e quali no?

Quali cibi fanno bene alla prostata e quali no?

Una corretta alimentazione è molto importante sia per prevenire l’ipertrofia prostatica sia per controllare la progressione del tumore, questo è possibile perché con l’assunzione di cibi corretti si riesce ad effettuare due principali interventi mirati alla prostata, ovvero bloccare l’effetto deidotestosterone (l’ormone colpevole dello sviluppo e della crescita delle cellule tumorali della prostata), sia assicurare e riuscire a rendere efficace l’azione antiossidante contro i radicali liberi propri dell’ossigeno.

Diverse ricerche scientifiche hanno evidenziato che seguire una dieta molto equilibrata non solo aiuta a mantenere il peso forma ma fa anche bene alla prostata, infatti con un’alimentazione principalmente composta da pochissimi grassi saturi (quelli animali) e particolarmente ricca di vegetali si riduce il rischio di tumore. Quindi questo vuol dire che tutti i nutrimenti di cui l’organismo ha bisogno come gli oli, la carne e i latticini, il pollame, la verdura, il pesce, i cereali, i legumi e la frutta vanno assunti equilibratamente sia durante la giornata sia durante il corso della settimana e per queste ragioni, soprattutto grazie alla ricchezza dei minerali, delle fibre e delle vitamine presenti nei suoi cibi, la dieta mediterranea è senza dubbio il maggior regime alimentare da seguire per mantenere in salute la prostata.

Quali sono i cibi consigliati per la prostata

I cibi che fanno bene alla prostata e di conseguenza il loro consumo a tavola sono tutti quegli alimenti ricchi di minerali come ad esempio il selenio che si trova nel fegato, nelle uova, nel pollame e nel pesce,  i legumi, l’avena, il riso, l’orzo e i derivata dalla soia. Anche i vegetali, soprattutto se consumati crudi, fanno bene e hanno un’azione preventiva, così come tutti quegli alimenti che contengono sia gli acidi grassi omega-3 sia i fotoestrogeni.

Infine i pomodori, le carote, il radicchio verde, gli spinaci, il mango, la papaia, la lattuga, i peperoni rossi, la rucola, il pompelmo rosa, il melone, le fragole, l’uva rossa e le albicocche sono alimenti ricchi di carotenoidi, in particolare di licopene, che proteggono la prostata dall’azione svolta dai radicali liberi.

I cibi sconsigliati per la prostata

Per evitare l’ingrossamento della prostata è sconsigliata l’assunzione di alimenti come gli insaccati, carne rossa cotta alla griglia, fritti, formaggi, pepe, spezie, peperoncino e superalcolici, in quanto con il consumo di questi cibi si può andare incontro a un’infiammazione degenerativa della prostata, perché sono la causa principale di un’acidificazione non solo dell’intero organismo ma anche dell’urina.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi