CCPB ad ANUGA per il made in Italy biologico.

I biologici made in Italy sono sempre più apprezzati all’estero. Nel 2016 il loro fatturato, in termini di , è stato di 1,9 miliardi di euro (dati Osservatorio ) con un’incidenza del 5% sul totale delle esportazioni del comparto agroalimentare.

Immagine: Pixabay.com
Una tendenza in costante crescita tanto che quasi un terzo dei ricavi delle imprese bio italiane proviene dalle vendite sui internazionali. In questo contesto CCPB partecipa ad , il più grande appuntamento fieristico mondiale del settore agroalimentare che si terrà a dal 7 all’11 di ottobre. Lo stand di CCPB sarà all’interno del padiglione 5.1 D030/F039. “In tutto il mondo il biologico è ormai una fetta importante del comparto agroalimentare – commenta Fabrizio Piva, amministratore delegato CCPB –. All’estero apprezzano sia il made in Italy bio sia il sistema di controllo e certificazione, che ha fama di essere uno dei più scrupolosi e quindi garantiti per i consumatori”.
Cosa fa CCPB
CCPB opera come organismo di certificazione e controllo dei prodotti agroalimentari e “no ” ottenuti nel settore della produzione biologica e in quella eco-compatibile ed eco-sostenibile. Oggi CCPB certifica 12.000 , di cui circa 11.000 nel settore biologico, tra cui affermati gruppi industriali, , piccole e medie imprese, aziende emergenti: un terzo del fatturato complessivo del comparto biologico italiano (in totale 2,3 miliardi di euro) viene certificato da CCPB.